CAMPAIGN
CAMPAIGN
CAMPAIGN
STAMPA
STAMPA
STAMPA
LOOKBOOK
LOOKBOOK
LOOKBOOK
THE SEAFARER HISTORY
THE SEAFARER HISTORY
THE SEAFARER HISTORY
Nel 1896 Tony Anzalone, un immigrato italiano ex marinaio della marina USA, aveva come ambizione della propria vita di fondare un negozio di sartoria vicino alla Brooklyn Navy Yard. All’inizio della sua carriera ha iniziato adattando le uniformi della marina americana nel suo negozio di sartoria nel suo cortile. Attraverso i suoi lavori è emerso il design originale dei jeans Seafarer. Il design fu poi adottato dalla Marina e tempo dopo Seagoing Tony, come era soprannominato, diventò un fornitore importante per l’abbigliamento della Marina con il prodotto che aveva creato. I jeans The Seafarer sono diventati un prodotto di abbigliamento tipico perché sono stati l’uniforme ufficiale dei marinai per circa 100 anni fino al 1999.
INSTAGRAM
MET MUSEUM
MET MUSEUM
MET MUSEUM
Siamo incredibilmente orgogliosi di essere uno dei pochissimi brand di abbigliamento ad essere rappresentati al Metropolitan Museum of Art di New York. Al MET, la cui missione comprende il conservare, esibire e stimolare l’apprezzamento di pezzi d’arte che rappresentano tutti insieme il più grande spettro delle conquiste dell’umanità, ha infatti un Seafarer Dungaree degli anni Sessanta tra i pezzi esposti. Prova che i nostri jeans non sono solo semplice abbigliamento ma una forma d’arte con un’eredità unica. Clicca qui per maggiori informazioni.
FRIENDS OF...
FRIENDS OF...
FRIENDS OF...
KEEP YOU UP TO DATE!
IT'S SIMPLE: SIGN UP TO OUR NEWSLETTER

STORE LOCATOR
STORE LOCATOR
STORE LOCATOR
FOLLOW US!

THE SEA: WHERE IT ALL BEGAN....
THE SEA: WHERE IT ALL BEGAN....
THE SEA: WHERE IT ALL BEGAN....
The Seafarer ha catturato l''attenzione del mondo della moda nel 1900, quando l''immigrato italiano e veterano della Marina Militare U.S.A. Tony Anzalone ha creato i pantaloni dal fondo a campana, un capo che sarebbe diventato la divisa ufficiale per i marinai statunitensi arruolati fino al 1999. Nel corso degli anni 1960 e ''70 questi pantaloni sono stati trovati nei negozi di seconda mano e cos
VIDEO
VIDEO
VIDEO

Give yourself an energy boost by adding a burst of color to your wardrobe! #RG Uberta Zambeletti in Seafarer... https://t.co/mLA8qYaP2U

@theseafarer_NY
PHILOSOPHY
PHILOSOPHY
PHILOSOPHY
Hanno accarezzato le curve della Bardot, hanno attraversato le onde degli oceani e definito un’era. Hanno marciato in guerra dall’Europa all’Asia, hanno ballato nelle notti di St Tropez e sono diventati un simbolo di pace. Sono nati sulle navi della Marina Americana ma sono diventati famosi sui corpi delle donne più belle del mondo. I pantaloni Seafarer hanno viaggiato attraverso la storia, unendo stile, emancipazione, coraggio, pace, Hollywood e la Rive Gauche. All’inizio del 20esimo secolo la loro storia è cominciata come una necessità: i marinai avevano bisogno di pantaloni da potersi togliere in fretta in caso di tempesta e da poter arrotolare facilmente per non bagnarsi quando sbarcavano in mare. Seafarer, per la prima volta ha consacrato un dettaglio che avrebbe fatto la storia: i pantaloni a zampa. Poi per un gioco del fato che solo l’industria della moda può portare, negli anni Sessanta e Settanta sono stati trovati nei negozi di seconda mano e poi indossati da BB, Ursula Andress, Jane Birkin, Raquel Welch, Jacqueline Bisset, Farah Fawcett. Ec come la necessità diventa un piacere, il lavoro diventa un impegno civile, il nuovo mondo getta un ponte verso la vecchia Europa. Come The Seafarer unisce uomini e donne, comfort e sensualità, rigore e fashion. Hanno un taglio perfetto, non forzato, senza difetti, capace di diventare un’età, di parlare di un’idea. Rappresentano il sorriso di un marinaio che bacia la sua fidanzata dopo la guerra. O la felicità di Jane Birkin in quei pomeriggi francesi, che sono diventati l’idea del casual chic. Così chic che sono finiti al Metropolitan Museum in New York, come uno dei capolavori del design del ventesimo secolo. Le onde del fato hanno portato Seafarer fino ai giorni nostri, intatto nel tempo. Dopo aver navigato nell’ultimo secolo, il brand è stato rilanciato per l’inzio della primavera 2013 con una collezione da donna che propone lo stesso taglio leggendario con una manodopera strettamente Made in Italy. I materiali, le cuciture, la costruzione e la vestibilità sono il risultato di un’attenta ricerca che viene sia dalla riscoperta degli archivi del brand, sia dal meglio del savoir faire italiano. E’ la tradizione che diventa innovazione e continua a raccontare una storia, l’estetica destinata a catturare di nuovo il mercato femminile.
MISSION
MISSION
MISSION
Noi siamo Visionari.
Siamo impegnati nel fare il prodotto perfetto per Donne che si interessano dei diritti delle Donne.
Siamo maniaci dell’estetica e amiamo la bellezza in tutte le sue forme. Vogliamo rendere i giorni delle Donne più luminosi!
Seafarer è nato nel 1900, eredità e autenticità sono le nostre radici.
Fedeltà, Onestà e Rispetto sono i nostri valori più importanti come persone.
Le donne sono sempre al centro dei nostri pensieri, quindi siamo concentrati a fare per loro i prodotti che vestono meglio e a dare loro la migliore esperienza d’acquisto. Ecco perché doniamo il nostro tempo, i nostri servizi e almeno l’1% delle nostre vendite alle organizzazioni attive in tutto il mondo che combattono la violenza contro le donne.
A Seafarer siamo orgogliosi di lavorare divertendoci! A Seafarer ci divertiamo ancora di più!